mercoledì 26 aprile 2017

"Manzo" all'olio

Questo interessante piatto proviene dalla Franciacorta, più precisamente da Rovato. E' cioé una ricetta storica, tradizionale. Me l'ha fatta conoscere la mia amica Carlina ed io l'ho sperimentata aggiungendovi i beneamati carciofi che fra poco spariranno dal mercato. Altra variazione importante che mi sono permessa di fare é stata quella di non usare il cappello del prete ma il reale di vitello. Meno "bello" ma forse più saporito. Questo ha comportato una cottura molto meno lunga.
Per sei persone occorrono:
1 kg di reale di vitello
2 l e mezzo circa di acqua calda
1 dl di olio evo
30 g burro
2 acciughe salate
1 cipollina e 2 spicchi d aglio
pangrattato o maizena
sale e pepe
vino bianco
Si fanno soffriggere nel burro l'aglio, la cipolla e le acciughe. Tutto ben tritato. Quindi si fa rosolare la carne salata e pepata. Si sfuma con il vino, poi si aggiunge l'acqua e si fa cuocere per un'ora e mezza. Si schiuma se occorre, quindi si versa l'olio.  A questo punto io ho unito i miei carciofi ben puliti e teneri. Si continua la cottura per circa 20 minuti poi si versa la manciata di pangrattato o la maizena diluita in acqua o brodo e si cuoce ancora per 10 minuti. La carne dovrebbe essere pronta. Se il sugo non fosse abbastanza ristretto, lo si fa addensare. Nel bresciano, il manzo all'olio si serve con la polenta. Il mio sugo non é venuto denso ma il sapore era  davvero ottimo. La mia amica dice che qualcuno aggiunge al "brodo" qualche cucchiaiata di grana...

sabato 22 aprile 2017

Budino salato di primavera

Questo budino puo' ben figurare sulla tavola delle feste di primavera. E' una ricetta molto semplice e, a parte il tempo (diciamo 3 ore) per la solidifcazione), é velocissima.
Per otto persone occorrono:
2 scatolette di tonno all'olio ben sgocciolate (340 g)
6 cipolline borretane in agrodolce
1 cucchiaio di senape dolce
1 cucchiaio di ketchup
2 cucchiai di maionese
il succo di un limone
200 g acqua
gelatina in fogli o compressa per mezzo litro
olio
decorazioni a piacere (ravanelli, insalata, capperi, limone etc)
Facciamo sciogliere la gelatina ben strizzata nell'acqua e poi uniamo il succo di limone. Facciamo intiepidire e nel frattempo frulliamo ben bene tutto il resto (tranne l'olio). Mescoliamo poi l'acqua e gelatina. Ungiamo appena uno stampo e versiamoci il composto di tonno. Quindi, in frigorifero a raffreddare e solidificare.

mercoledì 19 aprile 2017

Pura e semplice tartare

Di carne di fassona o di tonno, é lo stesso. Il condimento é solo olio strabuono, sale e pepe. Sopra, un attimo prima di servire, del pane tostato e sbriciolato. A parte, va previsto del succo di limone. Ottima e veloce, pura e semplice. Quasi troppo?

venerdì 14 aprile 2017

La torta di insalata russa

Un modo di presentare l'insalata russa (un filo rivisitata) per i pranzi di festa, per stupire gli ospiti senza poi lavorare troppo.
Per 8-10 persone occorrono:
400 g di verdure a cubetti surgelate per insalata russa (in genere sono carote, patate e piselli)
80 g tonno sott'olio
4-5 olive verdi
50 g cetriolini sott'aceto
30 g capperi sotto sale be sciacquati
200 g maionese per condire
500 g maionese per formare il "recipiente" dell'insalata russa
9 fogli di gelatina di pesce
olio d'oliva
Prevedendo maionese industriale, suggerirei di "correggerla"con succo di limone o senape dolce.
Si lessano le verdure e si uniscono al tonno scolato e sminuzzato, alle olive e ai cetriolini a fettine e ai capperi. Si condisce il tutto con la prima parte di maionese. Poi si fa sciogliere in pochi cucchiai di olio la gelatina, già bagnata e strizzata. Si fa colare questa attraverso un passino nella restante maionese. Si fodera (meglio di quanto abbia fatto io) una tortiera tonda e si versa sul fondo uno strato di maionese. Si mette in freezer per un quarto d'ora. Poi si ritira dal freezer e si versa in centro l'insalata russa. Solo in centro e per tutta l'altezza della teortiera. Ai lati si versa la maionese gelatinata (vedere foto) che avrà avuto bisogno di una bella rimescolata. Si spinge un po' per assestare il tutto e si mette in frigo. Fatto e finito.

lunedì 10 aprile 2017

Cosce di coniglio appetitose

Un piatto reso più goloso dai peperoncini dolci e da generose spruzzate di aceto balsamico.
Per 4 persone occorrono:
4 cosce di coniglio
6-7 peperoncini dolci, rossi e gialli
1 cipollina
olio, burro
cognac
aceto balsamico
sale e pepe
Si rosola per una buona mezz'ora il coniglio in olio e burro sfumando poi con il cognac. A parte si fa lo stesso (escluso il cognac) con i peperoni e la cipollina affettati. Si uniscono le due padellate, si sala, si pepa e si continua la cottura. Al termine si spruzza abbondantemente con l'aceto balsamico e si serve subito.

mercoledì 5 aprile 2017

Facilissimo dolce al limone

E' una delizia - se vi piace il limone - facilissima da fare.
Occorrono:
250 g ricotta
180 g yogurt al limone
4 uova intere
70 g burro
50 g farina
120 g zucchero
zucchero al velo
canditi di cedro
Si comincia fondendo il burro. Si frullano le uova con lo zucchero. Si unisce ricotta, yogurt e farina e si frulla ancora bene.Poi, in forno per 50 minuti a 180°. Spolverata di zucchero al velo e, se volete, decoro con canditi. Io li avevo appena fatti di scorza di cedro e ne ho utilizzati un pochino.

mercoledì 29 marzo 2017

Carciofi ripieni

Molto gustosi questi carciofi. Approfittiamo degli ultimi che ancora si trovano. Si devono pulire, tagliare a metà, scavare bene e lessare al vapore. Poi a parte si fa abbrustolire della buona pancetta a dadini e, sempre a parte, si sbattono delle uova salate e pepate e si cuociono un pochino come per una omelette. Quindi, si mette un po' di pancetta nello scavo del carciofo, sopra un paio di cucchiaiate di "omelette", ancora pancetta e un attimo in forno (in una teglia imburrata).