mercoledì 22 marzo 2017

Tronchetto sano ma gustoso

Una presentazione carina per un piatto salutare. Si tratta di broccoletti cotti al vapore e poi passati in padella con olio al peperoncino. A parte ho cotto la pasta detta Fili d'oro (Agnesi), l'ho condita con parmigiano, l'ho mischiata ai broccoletti e ho sistemato il composto in uno stampo pigiando un pochino. Quindi, ho sformato il tronchetto su qualche cucchiaiata di sugo di pomodoro. O meglio, di olio in cui hanno cotto dei pomodorini pronti a diventare sugo.

lunedì 20 marzo 2017

Interessante insalata di verza

In un posto terribile (che dicesi comunque ristorante, ahimè), ho mangiato questa insalata tra gli antipasti e non era niente male, anzi. Forse l'unica appetitosa...Si tratta di verza tagliata a listarelle, mescolata ad altrettante listarelle di pollo lesso e il tutto condito con olio, succo di arancia, sale e pepe.

venerdì 17 marzo 2017

Agnello con miele, rosmarino e...un errore!

L'agnello, che in famiglia mangiamo rarissimamente, come il capretto sa di selvatico e quindi marinarlo é una buona pratica. Queste costolette sono state quasi tre ore in un misto di vino bianco, olio, trito di aglio, rosmarino, pepe nero e una bella grattata di scorza di limone non trattato. A dire il vero chi mi ha passato la ricetta indicava al posto del vino un liquore al mirto ma a me é sembrato eccessivo e poi chi ce l'ha il liquore su mirto? Dopo la marinatura le costolette sono state grigliate pochi minuti per parte, poi spennellate di miele (un millefiori va bene) e rimesse in forno assieme alla marinata per 10 minuti a 180° massimo. L'errore? Di averle servite sistemate su patate al vapore che col miele poco hanno a che fare. Come contorno autonomo passino ma al sapore di miele no!

lunedì 13 marzo 2017

Spaghetti di primavera

Facili e appetitosi. L'importante, però, é avere un buon olio al peperoncino. Io ne ho avute due boccette in regalo e ne ho utilizzato un bel po'.
Gli ingredienti sono i più comuni:
pomodori datterini tagliati in due e conditi con questo olio, sale e scorza di limone non trattato, fettine di olive nere (di quelle al forno) e
pezzetti di acciughe sott'olio
Quando la pasta, spaghetti o altro tipo, sta per essere pronta, il sugo si mette in padella a stufare. Poi si unisce la pasta, si rimescola bene e si serve.

venerdì 10 marzo 2017

Cotti? Mai!

Piccolo avvertimento: cachi mela (che a me piacciono moltissimo da crudi) e pere nashi (gustose da crude, anche in insalata) fanno schifo se cotti come ho provato a farli.

lunedì 6 marzo 2017

Quasi un soufflé di carciofi

Ricettina d'antan, visto che era su uno dei mitici foglietti di nonna. Si devono friggere delle fettine di carciofi, ovviamente ben pulite, e si dispongono  in una teglia imburrata. O in forme individuali come ho fatto io. Poi si sbattono delle uova (tante quante i carciofi) e si aggiunge del latte (un bicchiere per 4 carciofi), del grana, sale e pepe. Si versa questa crema abbastanza liquida sui carciofi e si mette in forno. A 180° va bene. Il composto gonfierà quasi come un sofflè, quindi non riempire teglia o formine fino all'orlo e servire subitissimo.

domenica 26 febbraio 2017

Il migliaccio fa Carnevale

Fa Carnevale a Napoli e in tutta la Campania. Ma può farlo anche altrove: é un dolce molto buono e direi sano. C'é chi mette nell'impasto pezzetti di canditi e ciliegine e spolvera poi con zucchero a velo. Io invece ho messo sopra gli zuccherini colorati per fare più allegria. L'impasto si può stendere in una teglia per poi tagliarlo a rombi. Io ho preferito uno stampo da babà.
Le mie dosi per 8 persone sono:
1 l tra latte e acqua
200 g semolino
350 g ricotta
4 uova
250 g zucchero
40 g burro
un bicchierino di acqua fior d'arancio
vanillina
Si fa bollire latte, acqua e fior d'arancio. Al primo fremito si butta dentro il burro, poi si versa a pioggia il semolino e si mescola bene almeno per 7-8 minuti.Si battono bene le uova (intere) con lo zucchero. Si passa la ricotta a cui si sarà aggiunta la vanillina. Si riunisce il tutto: semolino, uova e ricotta, amalgamando bene. Si mette l'impasto nello stampo prescelto (foderato di carta forno o imburrato) e si fa cuocere a 180° per almeno un'ora. Ovvio che il tempo dipende dallo spessore dell'impasto...